Si avvicinano le elezioni amministrative; a maggio saremo chiamati a eleggere un nuovo Sindaco e un nuovo Consiglio Comunale.

(altro…)

In questi giorni è arrivato nelle case il volantino d’informazione del gruppo “Uniti per Sotto il Monte”.

 

 

 

 

 

Lo proponiamo anche qui [ ==> VEDI ] e … buona lettura.

In questi giorni è stato distribuito in tutte le case il nuovo volantino di informazione del nostro gruppo – Uniti per Sotto il Monte.

Continua, così, l’opera di informazione che il gruppo “Uniti per Sotto il Monte” ha deciso di portare avanti su quanto avviene nella nostra città e in Consiglio Comunale.

  Lo proponiamo anche qui, per chi preferisse leggerlo su uno schermo e conservarlo sul suo PC e per chi, distrattamente, lo avesse cestinato confondendolo con gli innumerevoli depliant pubblicitari che riempiono le nostre cassette della posta.

                 In questi giorni è stato distribuito in tutte le case il nuovo volantino di informazione del nostro gruppo – Uniti per Sotto il Monte.                                   

                   Lo proponiamo anche qui, per chi preferisse leggerlo su uno schermo e conservarlo sul suo PC e per chi, distrattamente, lo avesse cestinato confondendolo con gli innumerevoli depliant pubblicitari che, in questo periodo ancora di più del solito, riempiono le nostre cassette della posta.

Volantino novembre 2010

Con il volantino di informazione di Novembre 2010 (distribuito nei primi giorni di dicembre) continua l’opera di informazione che il gruppo “Uniti per Sotto il Monte” ha deciso di portare avanti su quanto avviene nella nostra città e in Consiglio Comunale. Parliamo ancora del Parco del Monte Canto e del Bedesco, di Piano di Governo del Territorio (PGT), delle interrogazioni presentate dai Consiglieri  Giampietro Ferraris e  Carlo Micheletti, ma anche di amianto, di giovani artisti e altro ancora. Tutti i cittadini possono, se lo desiderano, partecipare con un articolo, una lettera, una segnalazione su argomenti legati al nostro paese e al nostro territorio. Potete farlo inviando il vostro scritto alla mail unitipersottoilmonte@yahoo.it,  alla quale si accede anche direttamente da questo blog. A tutti, buona lettura.

logoGiovedì sera si è svolta la prima assemblea pubblica che il Gruppo Uniti per Sotto Il Monte ha organizzato per  informare i cittadini sui diversi punti del programma che intende presentare in occasione delle Elezioni Amministrative che si svolgeranno il 6 e il 7 Giugno 2009.
Si è iniziato con l’esposizione, da parte del candidato Sindaco, Sig. Ferraris Giampietro, delle priorità e delle necessità che, secondo il nostro Gruppo, Sotto il Monte ed i suoi abitanti hanno. Grande importanza si da’ ai servizi legati all’aumento demografico, soprattutto quello infantile, servizi legati, soprattutto e  necessariamente, ai locali scolastici, per il momento appena sufficienti, ma che molto presto non basteranno ad accogliere tutti gli alunni che abitano o abiteranno a Sotto il Monte. (altro…)

Altri punti del programma del PDL raggruppati nella Prima Missione “Un nuovo fisco per le imprese” trattano di argomenti molto tecnici e pertanto ostici ai più, ma vale la pena parlarne per verificare una volta di più le grandi differenza che esistono, tra i due programmi, nel trattare lo stesso argomento.
Riforma degli Studi di Settore (abbrevio) e riduzione, con graduale abolizione, dell’Irap. (altro…)

Prendiamo in esame, per prima cosa, quello che per il PDL è il primo punto sotto il capoverso “Un nuovo fisco per le imprese”, e cioè la detassazione di straordinari, tredicesima/una mensilità, incentivi e premi legati a incrementi di produttività. Sembra, a prima vista, una grande opportunità….. per le imprese. Per il PDL infatti questo punto è relativo alla fiscalità delle imprese. Ma in realtà va a toccare sensibilmente anche la remunerazione del dipendente, nonché il suo modo di rapportarsi al lavoro in azienda, sia che si parli di lavoro operaio, sia che si parli di quello impiegatizio. Analizziamo. L’Azienda ne viene interessata in quanto vede diminuire sensibilmente il costo del lavoro, e il dipendente vede aumentare il suo netto in busta. Ma, c’è più di un ma. (altro…)