Eccoci all’ultimo Consiglio comunale, quello del 15 giugno.

L’argomento principale in discussione: il bilancio 2020-2022.

Innanzi tutto alcuni dati:

L’avanzo complessivo del bilancio 2019 era di circa euro 876.000. Dedotte le varie voci di immobilizzo, per crediti dubbia esigibilità, fondi vincolati, rimarrebbero liberi euro 272.000.

A questo vanno aggiunte le seguenti voci sul fronte delle entrate:

  • Contributo regionale di euro 200.000 finalizzato alla ripartenza dopo il virus, da utilizzare per opere cantierabili entro ottobre.
  • Contributo statale di euro 277.000 finalizzato a interventi sociali ed economici.
  • Contributo di euro 50.000 da parte del MISE.
  • Utilizzo, previa nuova convenzione con il privato, dei 73.000 euro di oneri urbanizzazione della “casa bianca” di Fontanella, destinati dalla vecchia amministrazione per la rotonda comunale.

Premesso che non si è discusso del contributo di 277.000 euro, in quanto mancano ancora le linee guida statali per come utilizzarlo, per il resto sono emerse le seguenti possibili opere:

Scuola secondaria

L’intervento più oneroso (proposto dalla minoranza e fatto proprio dalla maggioranza), riguarda la spesa di 250.000 euro per la messa in sicurezza della scuola secondaria dal punto di vista sismico, con palificazioni e rinforzo delle fondamenta, intervento già previsto nel piano triennale delle OOPP e i cui progetti sono a buon punto (dovrebbe essere cantierabile entro ottobre, come chiesto dalla Regione).

Marciapiedi nel centro del paese

  • Via Brusicco, marciapiedi largo e con paracarri (tipo quelli di viale Pacem in Terris) a protezione dei pedoni. Partirebbe dalla “Casa Natale, su quel lato fino a dopo l’edicola, per poi attraversare su dosso e costeggiare il lato destro (per chi va a Carvico) fino al ponticello, incontrare il percorso ciclopedonale che prosegue per Carvico. Costo stimato in euro 103.000.
  • Via Don Birolini/Manzoni, scuole: la strada sarà tutta a senso unico, da via IV Novembre fino a l viale, verrà costruito un marciapiedi sulla destra, largo almeno due metri, con una siepe che lo separa dalla strada. La sede stradale verrà ristretta. Chi entra in via Valtellina da via IV Novembre prosegue sino al viale.
  • Marciapiedi in via Roncalli, tratto vicino alla macelleria, per dare più continuità ai pedoni.

Altre opere

  • asfaltature (40.000 euro) e segnaletica (10.000 euro).
  • Rifacimento tetto ossario del cimitero Fontanella (45.000 euro).
  • Manutenzione parchi giochi e pensiline. Realizzazione area recintata per lasciar correre i cani, in viale Rossi, zona parco giochi (45.000 euro)
  • Accantonamento per il ricorso della Fondermetal (10.000 euro).
  • Messa in sicurezza dell’area ex IAT (10.000 euro)
  • Lavori alla stazione ecologica (10.000 euro).

Questi sono le principali ipotesi individuate. Come si può subito capire, anche questa volta del marciapiedi di via Bedesco non c’è traccia. Ci sono interventi anche giusti, per la parte centrale del paese, ma per le periferie, per i tanti cittadini che camminano su via Bedesco, nulla!

Dopo tutte queste variazioni, tra entrate e uscite, ci sarebbe ancora un avanzo disponibile di circa 250.000 euro.

La minoranza ha criticato principalmente l’idea di collocare il marciapiedi di via Brusicco sul lato di via Baita, ritenendo preferibile farlo sul lato del vigneto. Inoltre ha giudicato eccessivo il lavoro su via Don Birolini, ritenendo preferibile il blocco temporaneo del traffico tramite pilomat durante gli orari di afflusso (entrata e uscita scuola).

L’altro grosso argomento: il sindaco e l’assessore ai servizi sociali hanno illustrato quanto fatto in questi tre mesi di emergenza Covid.

Ne scriveremo in un prossimo post.

Scrivi un Commento