In attesa di sapere cosa potremo fare da lunedì prossimo, ecco l’Amministrazione che prosegue sulla strada degli studi di fattibilità.

Dopo le due scuole, primaria (lo studio è stato presentato nell’assemblea del 19 febbraio scorso) e secondaria (lo studio doveva essere presentato in una assemblea pubblica il 28 febbraio, assemblea annullata causa “coronavirus”), ecco gli altri:

  • Uffici comunali
  • Biblioteca
  • Centro sportivo

Uffici comunali

Per gli uffici comunali, per quello che si può capire, si tratta di adeguare il piano terra alle precauzioni imposte dall’emergenza “coronavirus” e quindi di consentire l’accesso in sicurezza sia per utenti che per impiegati comunali.

Il Servizio tecnico ha già affidato i lavori (per euro 3577,04, IVA inclusa).

Biblioteca

Si tratta della realizzazione di un soppalco nella biblioteca

Lo studio di fattibilità era stato commissionato con determina del 4/10/2019 e ha portato a due possibili soluzioni, che differiscono per i materiali (soluzione in acciaio e soluzione in legno). Con l’attuale delibera viene approvato lo studio di fattibilità che prevede l’utilizzo del legno.

Ma a cosa serve? Nella delibera non è specificato.

La soluzione scelta prevede un “costo teorico dell’opera, compreso dei lavori e delle somme a disposizione” di euro 132.000,00. Essendo l’investimento superiore ai 100.000 euro dovrà trovare spazio nel programma triennale delle Opere Pubbliche.

Vedremo.

Centro sportivo

Qui si tratta di una riqualificazione del Centro spotivo.

Quattro (o forse più) sono le ipotesi in ballo.

Per i “dettagli” ===> QUI IL TESTO della delibera di Giunta.

Ecco, in sintesi, le ipotesi, che partono tutte dalla riconversione/eliminazione del campo di tamburello (se ben ricordate l’associazione tamburello ha cessato la sua attività):

  • Ipotesi 1: “Due campi da calcetto scoperti e trasformazione dell’attuale campo da calcetto in un campo da calcio a sette giocatori avente copertura pressostatica stagionale”. Costo complessivo pari ad euro 1.200.000,00.
  • Ipotesi 2: “Due campi da calcio scoperti uno a sette giocatori ed uno a cinque e sostituzione dell’attuale campo da calcetto con un blocco costituito da tre campi da Padel, nuova disciplina per la quale non esistono attualmente impianti sul territorio”. Costo complessivo pari ad euro 1.195.000,00.
  • Ipotesi 3: “Conformazione di due campi da calcio scoperti uno a sette giocatori ed uno a cinque e sostituzione dell’attuale campo da calcetto a cinque giocatori con una piastra per lo skate”. Costo complessivo pari ad euro 1.150.000,00.
  • Ipotesi 4: “un pump track (percorso artificiale per mountain bike) e la formazione di un campo da calcio a sette giocatori coperto con pressostatico in sostituzione dell’esistente campo a cinque giocatori”. Costo complessivo pari ad euro 1.160.000,00

Ma potrebbe anche trattarsi di una soluzione diversa, che preveda una “riaggregazione” delle 4 ipotesi; infatti la delibera di Giunta prevede quanto segue: “DI VALUTARE, sulla base dell’indicazione riportata nello studio di fattibilità, l’ipotesi più congeniale alle aspettative della Comunità, con eventuale riaggregazione delle singole proposte“.

Vedremo se l’Amministrazione, prima di decidere, vorrà coinvolgere la cittadinanza sulla scelta. Potrebbe anche essere una buona occasione per un referendum consultivo (adesso che si può fare!)

Per il Centro sportivo, se l’amministrazione non pensa (speriamo) a nuovi indebitamenti, bisognerà … aspettare qualche finanziamento regionale o statale …

Comunque un’osservazione: ma dove si andrebbero a prendere i soldi? Non ci sono forse altre priorità, che magari richiedono anche un minor esborso? (… la via Bedesco, tanto per citarne una, attende da tempo …).

Scrivi un Commento