La Segreteria comunale è gestita in modo associato tra il nostro Comune e quelli di Carvico, Villa d’Adda (Comune capo convenzione) e Torre de’ Busi; ciò in forza di una convenzione (approvata dal nostro Comune con delibera di Consiglio comunale n. 45 del 28/11/2014) valida dal 01/01/2015 al 31/12/2019.

Ora, con la delibera approvata nel Consiglio comunale di giovedì scorso, è stato deciso lo scioglimento di detta convenzione, “considerato che i Comuni associati ritengono di sciogliere consensualmente la detta Convenzione a far data dal 30 Novembre 2019”.

In sostanza restiamo senza Segretario comunale: come e da chi sarà sostituito? Non si sa! A questa domanda fatta dalla minoranza il Sindaco ha risposto che da ora (essendo stata approvata la delibera) si vedrà cosa fare.

La minoranza (che ha avuto il dr. Paradiso come Segretario comunale durante i 5 anni del mandato) ne ha “tessuto le lodi” per la sua onestà e il suo rigore.

Noi, quando eravamo in Consiglio comunale, in verità, abbiamo avuto qualche volte da discutere su alcune prese di posizione e su come venivano verbalizzate le sedute.

Premesso che il Segretario comunale è nominato (in modo insindacabile) dal Sindaco, attingendo ad un apposito albo, non è nostra intenzione prendere le parti di nessuno, ma le cose non sono chiare e non sono state chiarite. Quello che non si capisce, perché non è stato spiegato (o forse noi eravamo distratti?) è il motivo di tutto ciò.

  • Perché anticipare di un mese lo scioglimento della convenzione, che comunque sarebbe scaduta il 31/12/2019? Che urgenza c’era?
  • Perché sciogliere una convenzione senza avere sotto mano un’alternativa?
  • A chi non andava più bene questo Segretario comunale e perché? O è lui che era “stanco” di uno o più dei 4 Comuni.

Forse non lo sapremo mai.

Nel “Verbale di Deliberazione del Consiglio comunale”, pubblicato ieri all’Albo Pretorio, si legge testualmente: “Il Sindaco-presidente illustra l’argomento evidenziando la diversa organizzazione del servizio e dei costi. Non essendoci interventi si passa alla votazione”.
Beh! Non ci pare sia proprio andata così: intanto il Sindaco-presidente ha dato la parola al Segretario comunale; poi la minoranza ha fatto degli interventi se non altro per chiedere le prospettive.
Si sta tornando a verbali che non rappresentano l’andamento della discussione?

Perché soffermarci sul Segretario comunale?

Perché la sua figura riveste un ruolo importante in un’Amministrazione. In un certo senso è il “garante” della correttezza degli atti: “Il segretario comunale svolge compiti di collaborazione e funzioni di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell’ente in ordine alla conformità dell’azione amministrativa alle leggi, allo statuto ed ai regolamenti”.

In più nel nostro Comune aveva anche progressivamente assunto le funzioni di Responsabile di alcuni settori: Affari Generali e Servizi Alla Persona (Segreteria, Contratti, Cultura, Sport e Tempo Libero, Biblioteca); Finanziario (Ragioneria, Tributi, Economo e Personale). Funzioni, tra l’altro, confermate (fino al 31/12/2019) dall’attuale Sindaco con decreto 12/2019 del 11/06/2019.

Scrivi un Commento