Come promesso, pubblichiamo il “Regolamento per lo svolgimento dei referendum comunali” approvato (“in extremis”, cioè all’ultimo momento del tempo utile) dal Consiglio comunale nella seduta del 9 aprile 2019.

  <===> ECCOLO QUI

 

Finalmente i cittadini hanno a disposizione un altro strumento per poter fare sentire la loro voce.

Come già detto l’istituto del referendum comunale era previsto anche dal vecchio Statuto comunale (approvato nel 2002) ed è stato riproposto nello Statuto rivisto e corretto approvato lo scorso anno. Mancava però ed era sempre mancato, un regolamento che disciplinasse le modalità di realizzazione dei referendum, rendendo quindi impossibile attuarli. Ora il Regolamento c’è, quindi non ci sono più ostacoli.

Abbiamo contribuito in modo determinante a raggiungere questo traguardo, anche a costo di accettare alcune cose che avremmo scritto in modo diverso.
Avremmo voluto uno strumento di più facile attuazione, in particolare:

  • un minor numero di firme da raccogliere;
  • l’assenza di “quorum” per dichiarare valido l’esito della votazione (in fondo si tratta di referendum consuntivi, che non obbligano l’Amministrazione ad attuare quanto proposto, anche se, evidentemente, non si potrà non tenere conto dell’orientamento degli elettori)

Ma tant’è … almeno ora c’è uno strumento che può essere utilizzato sia dai cittadini per partecipare in modo più diretto alla vita della nostra città che dall’Amministrazione per conoscere gli orientamenti dei concittadini.

Scrivi un Commento