Come anticipato nel post del 11 gennaio scorso (==> VEDI) abbiamo fatto un’interrogazione, la prima di quest’anno.

Ci chiediamo alcune cose su quest’opera, tra le altre: 

  • quali sono i vantaggi che possano derivare alla popolazione di Sotto il Monte dalla realizzazione di tale opera;
  • se tale opera sarà fine a se stessa oppure fa parte di un intervento più complessivo come la totale apertura al traffico di viale Pacem in Terris o ancor più il paventato senso unico dell’ultimo tratto di via IV Novembre, con il conseguente senso unico ad anello del traffico in centro al paese;
  • se è stata adeguatamente studiata la problematica delle esondazioni cui, più volte in passato, è stata soggetta la zona in occasione di importanti precipitazioni atmosferiche, a causa dell’inadeguata rete di tubature sotterranee (realizzare quest’opera potrebbe addirittura costituire un ulteriore aggravamento del problema);
  • se sono previsti lavori – a nostro giudizio ben più necessari della rotatoria – per una soluzione definitiva al sopra menzionato problema delle esondazioni.

Comunque ecco =====> QUA IL TESTO completo dell’interrogazione.

Se qualcuno ha voglia di “rinfrescarsi” la memoria, può andare a rileggere, tra le altre cose, i nostri “post” del 15 maggio 2015, del 18 giugno 2015, del 6 dicembre 2016, del 11 aprile 2017, del 7 maggio e 19 maggio 2017, del 29 giugno 2017 e i nei nostri volantini di dicembre 2015 (vedi articolo pagg. 4 e 5 “Viabilità: Meglio non improvvisare”) e gennaio 2017 (vedi articolo pagg. 2 e 3 “Andremo tutti a senso unico?“).

Scrivi un Commento