Sicuramente vi ricordate che sono in corso i lavori di “riqualificazione” della scuola primaria.

Forse ricorderete anche che l’amministrazione aveva garantito “vista la rilevanza dell’opera” di tenere informati i cittadini …

Facciamo un passo indietro.

Più di un anno fa, a seguito di nostre interrogazioni, l’Amministrazione, tramite l’assessore al territorio e ambiente, aveva segnalato alcune varianti al progetto di riqualificazione del polo scolastico che erano allo studio:

  • Demolizione (anziché ristrutturazione) e ricostruzione (con minore metratura) dell’aula Rodari (per garantire un accesso al cortile interno da Viale Pacem in Terris)
  • Realizzazione di una mensa al piano primo lato nord-ovest
  • Interventi di adeguamento della via Manzoni (sede viaria in “adeguata continuità altimetrica con l’edificio scolastico”).

Poi, che l’ipotesi di realizzazione della mensa fosse stata accantonata l’avevamo saputo in risposta ad altre interrogazioni.

Ebbene ora arrivano al dunque le altre opere. Infatti con delibera di Giunta di qualche giorno fa (n. 61 del 22 giugno 2018), ===> VEDI, è stata approvata una “variante a progetto di riqualificazione del polo scolastico“, che, testualmente, prevede quanto segue:

1.    Demolizione e ricostruzione della porzione sud est del fabbricato (aula Rodari) con nuovo assetto, relativo anche alla sistemazione esterna ed alla recinzione lungo viale Pacem in Terris, atto a garantire la formazione di accesso al comparto da viale Pacem in Terris, nuova ubicazione della palestra e dell’autorimessa;

2.    Previsione della copertura della porzione nord ovest con piano impermeabilizzato, realizzazione di parapetti in muratura in alternativa alle ringhiere ed esclusione di formazione delle fioriere;

3.    Diversa collocazione della scala antincendio in ragione del nuovo assetto del fabbricato;

4.    Ridefinizione dell’ingresso della scuola da via Manzoni al fine di consentire agevole accesso all’area di pertinenza interna da parte di automezzi e conseguente facilità di manutenzione;

5.    Sistemazione del cortile nord a confine con via Manzoni con ridefinizione del muro perimetrale.

Certo non sono interventi a “costo zero”; infatti appena prima di approvare questa delibera ne è stata approvata un’altra (la n. 60 del medesimo giorno), che stabilisce una variazione di bilancio per reperire i 104.647,06 euro necessari. Ecco come:

“CONSIDERATO che L’Ufficio tecnico comunale con mail a firma del RUP ha comunicato l’urgenza di provvedere ad una variazione del bilancio per garantire il rispetto dei tempi relativi al trasferimento degli alunni della scuola primaria prima dell’inizio dell’anno scolastico 2018/2019 ed in particolare prevede l’incremento dei seguenti capitoli:

cap. 6646 denominato: “Riqualificazione polo scolastico – lavoriper € 0,00;

cap. 6647 denominato: “Riqualificazione polo scolastico- incarichi professionali” per € 104.647,06;

DATO ATTO che in sede di approvazione del rendiconto 2017 si è determinato un risultato di amministrazione di € 384.623,37 di cui:
– € 140.293,43 per accantonamenti la cui utilizzazione è già destinata obbligatoriamente dalla normativa vigente per il Fondo Crediti Dubbia Esigibilità e per il pagamento dell’indennità di fine mandato al Sindaco e quindi non può essere utilizzata per altri scopi
– € 48.478,66 per vincoli dell’ente in quanto riveniente dalla fidejussione Italcementi destinata a miglioramenti ambientali nell’ambito della convenzione per la nuova Cementeria di Calusco d’Adda;
– € 75.278,14 di avanzo libero che non può essere utilizzato fino a quando non saranno verificati gli equilibri del Bilancio 2018 al cui equilibrio potranno essere destinati;
– € 93.934,54 di avanzo destinato agli investimenti;

RILEVATO quindi che ad oggi possono essere utilizzati per la copertura della richiesta dell’UT solo:
– € 26.638,60 derivanti dai vincoli per abbattimento barriere architettoniche che si ritiene di utilizzare in toto per il finanziamento dell’intervento stante la natura dell’intervento;
– € 93.934,54 quale parte dell’avanzo destinata agli investimenti che si ritiene di utilizzare per l’importo di € 78.008,46 per il finanziamento della restante quota dell’intervento sulla scuola;”.

Capiamo (o, meglio, supponiamo di capire) che i soldi necessari vengono presi in parte (per 78.008,46 euro) dall’avanzo 2017 per la parte destinata agli investimenti e in parte (per euro 26.638,60) dai “vincoli per abbattimento barriere architettoniche”; ma questi ultimi da dove saltano fuori e quali “barriere architettoniche” vengono abbattute? Il progetto doveva già prevedere una realizzazione senza barriere: che novità ci sono? E poi, perché vanno tutti a finire nella voce di capitolo degli “incarichi professionali”? Non si tratta di lavori?

Altra cosa che emerge: si parla di “convenzione per la nuova Cementeria”; detta così sembra che ne sia prevista un’altra. Pensiamo proprio di no, ma non sarebbe male se fossimo un po’ più informati sulla “convenzione” e su che destino potranno avere quei soldi.

Infine, ed è forse la cosa che interessa di più, i “tempi relativi al trasferimento degli alunni della scuola primaria“: “prima dell’inizio dell’anno scolastico 2018/2019“. Ma sarà proprio così? Vedendo l’avanzamento dei lavori (almeno per quanto si può notare dall’esterno), ci vengono molti dubbi; già un anno fa’ l’assessore Bolognini aveva pronosticato: “E’ presumibile che l’anno scolastico 2017/2018 inizi nell’attuale struttura prevedendo poi un “trasloco” in corso d’anno (magari nelle festività natalizie)”.  Pronostico evidentemente non avveratosi.

In ogni caso non ci starebbe male un’informativa puntuale ai cittadini e in particolare ai genitori degli alunni della primaria, tenuto anche conto che il 29 dicembre 2017 l’Amministrazione scriveva “Vi terremo aggiornati sugli sviluppi”.

 

 

 

 

 

 

 

Scrivi un Commento