Se leggiamo le date in cui in questo fine anno e agli inizi del prossimo sarà raccolto il rifiuto “umido”, ci possiamo accorgere che ci sarà un intervallo di ben 10 giorni in cui dovremo tenercelo in casa.

Certo, il calendario non aiuta, con il Natale in lunedì e quindi tre giorni festivi di seguito. Così il ritiro del lunedì (che appunto sarebbe caduto proprio nel giorno di Natale) è stato anticipato al sabato precedente (23 dicembre) e il ritiro del lunedì successivo (che cadrà il 1 gennaio) è stato posticipato al giorno successivo.

Proprio in questo periodo di feste inevitabilmente si producono più rifiuti e tenersi in casa l’umido per 10 giorni non è il massimo!

Certo, nessuno (speriamo) pensa che sia giusto fare lavorare le persone il giorno di Natale o il primo dell’anno, ma non si poteva fare un ritiro intermedio mercoledì (27 dicembre) o giovedì (28 dicembre)? Sarebbe stato un costo in più (che, però, suddiviso fra tutti avrebbe avuto un peso irrilevante), ma un disagio in meno.

Sarà per una prossima volta?

Scrivi un Commento