Ecco il post apparso il 4 novembre su “facebook” per gli “intimi” che ricevono le informazioni dal gruppo di maggioranza (quindi da Sindaca e compagnia) “Vivere Sotto il Monte Giovanni XXIII”:

“Siamo lieti di comunicarvi che martedì 14 novembre sarà inaugurata la casetta dell’acqua. Vi aspettiamo alle ore 10.45 per il taglio del nastro. I presenti saranno omaggiati con una bottiglia in vetro personalizzata ed una tessera già carica con 20 litri di acqua (una per ogni nucleo famigliare).
Ringraziamo i  partner Hidrogest, aqvagold e Imsa.”

Oggi pomeriggio, due giorni dopo, analoga informazione è apparsa sul sito del Comune, quindi anche per i “comuni mortali”.

Comunque era ora! La delibera di Giunta che approva la convenzione per l’installazione della “casetta” risale nientemeno che all’ottobre 2015 (deliberazione di Giunta n. 99 del 13/10/2015).

Ci sono voluti più di 2 anni per realizzare una cosa che sarà fatta in pochi giorni. Già, perché ancora oggi nel luogo dove sarà installata non c’è ombra di lavori in corso: vuol dire che più o meno in una settimana i lavori saranno fatti (visto che, almeno stando alla comunicazione, l’inaugurazione sarà tra 8 giorni).

Perché, allora, è passato tutto questo tempo, mentre in altri comuni le “casette” ci sono già?

Ma non facciamo troppo “i sofistici” … meglio tardi che mai!

 

 

 

 

 

Scrivi un Commento