Se pure in modo molto sintetico, ecco alcune note aggiuntive su quanto il Gruppo Uniti per Sotto il Monte ha inoltrato all’amministrazione, per cercare di capire come stanno procedendo alcune cose nel nostro Comune.
Delle rotte aeree ne abbiamo già scritto nel post del 13 ottobre scorso.

 

Oggi scriviamo del fantomatico e misterioso “libro sulla storia di Sotto il Monte“:

  • La “storia” (quella del libro) ha avuto inizio quasi 6 anni fa, quando l’allora amministrazione Bolognini decise (Deliberazione di Giunta n. 94 del 21 dicembre 2011) di commissionare, per il tramite di Promoisola, la realizzazione di due libri – uno sulla storia del nostro paese e l’altro su Papa Giovanni. Accantonato il secondo, per il primo il nostro comune ha già speso parecchi soldi.
  • Doveva essere pronto e distribuito nel 2014, siamo alla fine del 2017 e ancora non ha visto la luce (intanto l’estensore è stato ben pagato).
  • Ad una nostra interrogazione del marzo 2014 l’allora amministrazione rispose che “Allo stato dell’arte la ricerca documentale è da considerarsi conclusa e a breve verranno prodotti i testi. La conclusione dell’opera, con la stampa del volume relativo alla storia di Sotto il Monte Giovanni XXIII, è prevista in concomitanza della prima celebrazione della festa di San Giovanni XXIII (11 ottobre 2014) ovvero entro il Natale successivo” … “Ad oggi (18/04/2014 – data della risposta all’interrogazione) sono stati liquidati € 57.411,96” … “La Fondazione CARIPLO contribuirà con un importo di € 20.000,00.
  • In un incontro che il nostro Gruppo consiliare ha avuto con l‘attuale amministrazione in data 4 marzo 2015 la risposta su questo argomento è stata di questo tenore: Ad oggi, lo scrittore ha presentato una parte degli articoli del libro, manca soprattutto la parte riservata alla documentazione fotografica. L’amministrazione cerca di ridurre le dimensioni dell’opera (si è parlato di due volumi per quasi 1.000 pagine complessive). Intanto abbiamo già pagato 46.000 euro. Tramite il bando CARIPLO dovremmo ricevere euro 18.000 a parziale rimborso per la spesa (stampa digitale), ma evidentemente anche la fondazione aspetta di vedere il libro prima di sborsare. Ci saranno poi i costi aggiuntivi per la stampa vera e propria.”

Siamo quasi a Natale 2017 e del libro nemmeno l’ombra! Che almeno questa amministrazione prenda una decisione definitiva:

  • o non se ne fa più nulla; pazienza (si fa per dire) avremo sperperato un po’ di soldi per le “manie di grandezza” di qualcuno – ma quanti? vista la differenza, non irrisoria, delle cifre comunicate
  • o si decida di darlo alla luce.

Non si può andare avanti all’infinito!

Scrivi un Commento