Abbiamo più volte scritto dei parcheggi a pagamento, sia su questo blog che sui volantini distribuiti in tutte le case. Dobbiamo tirare ancora in ballo la questione per almeno due motivi:

1. Più di un anno e mezzo fa (luglio 2015) l’amministrazione ha deciso di istituire parcheggi a pagamento per le auto e di dare in gestione per tre anni la cosa a “Line Servizi”, con un programma di ritorno delle spese (valutate in poco più di 50.000 euro) che questa deve sostenere stimato in circa 17.000 euro l’anno, tramite l’introito dei ticket pagati da chi parcheggia (qui in allegato il ==> “PIANO ECONOMICO”). Allora ci eravamo opposti a tale scelta e ci era sembrata una fantasia l’ipotesi di un tale incasso dai parcheggi, così oggi ad un anno dall’inizio della convenzione vogliamo sapere quale è stato l’incasso effettivo avuto da Linea Servizi, non per fare i conti in tasca a questa società, ma perché la convenzione prevede che se allo scadere dei tre anni la società non avrà recuperato tutte le spese sostenute, sarà il Comune ad accollarsi la differenza. 

Poiché, come tutti avranno avuto modo di vedere, quei parcheggi non sono mai stati così vuoti … tirate le conseguenze.

2. Anche il parcheggio a pagamento dei bus turistici si avvia ad essere un altro “flop”; non tanto dal punto di vista economico (quello c’è già stato), ma soprattutto per quanto riguarda la gestione, perché ci sembra di vedere molta confusione e approssimazione. Vorremmo tanto sbagliarci, ma le premesse non sono certamente buone.

QUI ==> il TESTO DELL’INTERROGAZIONE.

Scrivi un Commento