….”Tutto ciò (faccenda Casoria) è costato consenso, in termini politici e addirittura personali. Nel calcolo delle preferenze, il Cavaliere pigliatutto che aveva sfiorato i tre milioni di voti sul suo nome nel 1994 e nel 1999, e aveva promesso di superare questa volta la soglia, si è fermato a quota 2 milioni e settecentomila. Mancano almeno 250 mila preferenze, e in una democrazia carismatica e populista non è un dato da poco.”….
Questo è un pezzetto di un editoriale di Ezio Mauro di qualche giorno fa.
 Per quanto condivida gran parte di quello che dice, non condivido però questa parte.  250.000 preferenze in tutta Italia sono pochissime, considerando le “figuracce” fatte dal Berlusca. La domanda che mi faccio e vi faccio è: ma perchè la gente non lo approva (non lo può approvare) e ugualmente lo vota? Voi magari ora mi direte: ma chi ti dice che non lo approvino? Proviamo allora a scendere sul locale: a Sotto il Monte la nostra lista è arrivata ultima, prendendo meno di 100 voti in più dei 381 che il PD ha portato a casa per l’Europa. Anche a Sotto il Monte il Sindaco uscente non era approvato da moltissimi (prova ne sono le mille firme raccolte contro l’edificazione del nuovo palazzo polifunzionale in mezzo alla Piazza centrale), eppure ha totalizzato 1200 voti!! Che dire? La gente è afflitta da doppia personalità, oppure c’è qualche cosa che a noi, o almeno a me, sfugge? Vediamo un po’: mettiamo due negozi di alimentari uno in parte all’altro: uno ha prezzi alti e merce scadente però vende a credito, mentre l’altro ha merce di qualità e prezzi idonei ma non fa credito: voi dove andreste e fare la spesa? (prescindendo ovviamente dal fattore portafoglio che può far decidere, se vuoto). Forse la risposta sta tutta qui, noi ci affanniamo a dire che la merce dell’altro fa schifo e che non sa rifornirsi a dovere, ma non riusciamo a convincere che la nostra invece è ottima, e che vale la pena averla anche se si deve sottostare a dei doveri (pagare). Berlusca promette e non mantiene, è bugiardo, donnaiolo, amorale ed immorale, sprovvisto di una qualunque etica, incapace di governare ecc. ecc., ma non fa lavorare le coscienze, le acquieta. Uno così al governo ci dimostra che comunque noi, nella nostra miseria morale possiamo andare bene lo tesso: non vogliamo il buon esempio da lui, ma solo sentirci comunque autorizzati, nella nostra mediocrità, a considerarci  idonei a stare in società a testa alta…….Forse è tutto qui.  Ho forse scoperto l’acqua calda?

Una Risposta a “Ho scoperto l’acqua calda?”

  1. Matteo scrive:

    Forse si … forse hai scoperto l’acqua calda!!! Ma credo che la spiegazione sia molto più complessa ….. insomma, non ci capisco molto, ma intuisco che dietro al fenomeno Berlusconi ci sia qualcosa di difficilmente comprensibile. Capisco invece benissimo gli esiti del fenomeno Berlusconi+Bossi: l’Italia si sta imbarbarendo!!!

Scrivi un Commento